Può l'Intelligenza Artificiale minacciare la democrazia?

Immagine
Video
Sviluppo tecnologico e innovazione

Può l'Intelligenza Artificiale minacciare la democrazia?

16 Maggio 2024
Gabriele Di Matteo, Eugenio Zuccarelli

Guarda la registrazione dell'incontro con Gabriele Di Matteo e Eugenio Zuccarelli   che si è tenuto in STEP FuturAbility District nell'ambito del programma scientifico culturale.

Quest’anno vanno al voto quattro miliardi di persone. C’è il rischio che l’AI possa mettere in crisi la democrazia con i suoi deep fake? Clonare la voce di un politico e fargli dire cose del tutto false è sempre più facile grazie a ChatGPT.
Le leggi che regolano AI in Europa ci sono ma nel resto del mondo regna l’anarchia.
Non solo di politica ma di molti altri temi, che riguardano tutti noi, parleremo durante l’incontro.

In occasione della pubblicazione di Intelligenza artificiale. Come usarla a favore dell’Umanità. Autori: Gabriele Di Matteo, Eugenio Zuccarelli (Mondadori Electa)

Gabriele Di Matteo giornalista da tutta la vita, ha iniziato dalla carta stampata (“il Giornale” di Montanelli, “la Repubblica”) per passare alla tv come autore e anchorman (Tg3, RaiNews24, Sky) e poi al Web (con “Forbes”). Filo conduttore delle sue attività, la rivoluzione digitale e il rapporto tra le persone e le nuove tecnologie. Nel 2015 con Hoepli ha pubblicato Dialogo tra una lavatrice e un tostapane, libro dedicato all’Internet of Things (IoT).

Eugenio Zuccarelli esperto di Intelligenza Artificiale e Data science formatosi al MIT e all’Imperial College London, ha lavorato per aziende Fortune 500 in diversi settori, dalla sanità alla finanza, concentrandosi sullo sviluppo di tecnologie che migliorano la condizione umana. Collabora con “Corriere della Sera”, “Forbes”, “Fortune”, “Harvard Business Review”, “MIT Technology Review” e “Wired”. È stato relatore principale e panelist in conferenze come TechCrunch, The AI Summit, TEDx e ha tenuto lezioni in università come Harvard e Bocconi. Ha ricevuto oltre quindici onorificenze e premi, tra cui Forbes Under 30 e Fortune Under 40.